Lenzuola

Fruscii,
che sono come le carezze.
Gocce di lingua,
sanno di sale e piogge.
Ti sarei lenzuola,
e seta
e vento leggero tra le insenature.
Ti sarei mani che scostano capelli,
e indici che seguono percorsi
di te.
Geografie di corpi.
Perché di notte i corpi sono come sogni,
perdono consistenza.
E allora sarà sognare,
e poi svegliarsi.
E albe,
e voglie sfatte come le lenzuola.
E bianche.
E fumo in rivoli.
E acqua in rivoli, sulla tua schiena.
E me. 
A bere,
quel sale che è della tua terra.
E tu,
che intrecci le caviglie.
Certi sospiri sono come gli angeli.
E cotone aggrovigliato,
e cose bagnate,
e cose che sorridono,
e bocche che gemono.
Poi il sole.
Coi raggi che scrutano.
Allora ti nasconderei,
addome sulla schiena 
Per rubarti alla luce.

Comments

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *